Investire in criptovalute è come giocare d’azzardo?

Article Image

30/11/2017

Accomunare le pratiche dell’investimento e del gioco d’azzardo è senza dubbio un intrinseco elemento di rischio; tuttavia, la procedura con la quale si investe denaro in una società o (come nel caso preso in esame da questo articolo) in una valuta risulta ben differente dal tentare la fortuna ai tavoli da gioco e alle slot machine. Anche se in giochi come il poker o il blackjack essere in possesso di determinate abilità, competenze ed esperienza aiuta a portare la fortuna dalla propria parte, il risultato finale del gioco sarà sempre determinato dalla dea bendata; negli investimenti, invece, si è di fronte a un risultato atteso, per un guadagno che arriva nel lungo periodo, o perlomeno in periodi sicuramente più lunghi rispetto a una puntata alla roulette.

Vediamo insieme come queste analogie e differenze si applicano agli investimenti effettuati in criptovalute, sempre più in voga e popolari nel mondo digitale, scoprendo prima cosa sono e in che modo possono essere soggette a investimenti.

Criptovalute

Il mondo delle criptovalute

Per criptovaluta si intende una moneta di scambio digitale che viene generata e, appunto, scambiata tramite transazioni attraverso la crittografia, procedura che ne determina l’autenticità e la sicurezza.

Pienamente in linea con la rivoluzione digitale che stiamo vivendo nel nuovo millennio, hanno preso sempre più piede come unità di scambio grazie alla loro alta redditività e alla tecnologia all’avanguardia che ne sta alla base; entrambi questi fattori ne hanno determinato valori sempre più alti nel corso dell’ultimo decennio.

Tra le principali criptovalute disponibili, troviamo:

  • il bitcoin: pioniere delle monete virtuali, nata nel 2009 e, ancora oggi, la più importante e più utilizzata valuta digitale di tutto il mondo;
  • XRP: lanciata nel 2012 nell’ambito della rete di scambio bancaria Ripple, studiata per pagamenti internazionali rapidi ed efficaci;
  • Ether: valuta di scambio nonché motore fondamentale della piattaforma Ethereum, volta all’implementazione di contratti intelligenti;
  • il Litecoin: rivale per eccellenza del bitcoin (a cui è ispirato) e caratterizzato da transazioni più rapide.

Come investire

Oltre che per acquisti e scambi in rete, le criptovalute possono essere oggetto di veri e propri investimenti, come per le valute ordinarie dei mercati finanziari dei cambi (o “Forex”).

Criptovalute

Per avvicinarsi al trading delle monete virtuali, vi sono normalmente alcuni passaggi da seguire:

  • 1. decidere l’importo da investire e pianificare bene la frequenza degli investimenti che si vuole effettuare;
  • 2. scegliere la valuta sulla quale investire, informandosi bene sui relativi andamenti;
  • 3. aprire un cosiddetto “wallet” (conto online) nel quale poter depositare moneta digitale;
  • 4. informarsi sui broker online con i quali praticare il trading e sulle piattaforme di scambio che mettono a disposizione, per poi scegliere quella che fa più al caso proprio.

Una volta effettuati questi passaggi, si potrà cominciare ad acquistare e scambiare criptovalute; bisogna sempre ricordarsi di controllare l’andamento delle valute oggetto di investimento e salvare le proprie risorse digitali su un hardware fisico per proteggersi da eventuali minacce informatiche.

Rischi e possibilità

Veniamo al cuore del discorso: quali rischi si corrono investendo in criptovalute e quali sono le possibilità concrete offerte dal trading delle monete virtuali?

Senza girarci intorno, bisogna sottolineare che gli investimenti in criptovalute sono caratterizzati da un’estrema volatilità. Basta prendere il bitcoin come esempio: a fine ottobre 2017 il suo valore si aggirava intorno ai $7.000, per poi scendere a $6.500 a metà novembre e schizzare sopra i $8.000 dopo una sola settimana. Inoltre, spesso vengono effettuati investimenti su criptovalute nate da poco e che, quindi, hanno un gran potenziale di crescita. Tuttavia, quante sopravvivranno e riusciranno a innestarsi definitivamente in questo mercato, evitando il collasso?

Detto ciò, possiamo concludere dicendo che forse siamo di fronte a una via di mezzo tra la prevedibilità degli investimenti tradizionali e la fortuna del gioco d’azzardo; un po’ come il poker di cui parlavamo prima: abilità e competenze sono essenziali, ma (almeno per ora) esiste un elemento che sfugge sempre al nostro controllo.